Domenico Metelli

Domenico Metelli

Giostra della Quintana di Foligno

Presidente Ente Giostra della Quintana di Foligno

La Giostra della Quintana è un torneo cavalleresco ed una manifestazione storica in costume che si svolge a Foligno.

I 10 binomi cavallo-cavaliere, in rappresentanza dei rispettivi rioni, si sfidano 2 volte l’anno: la sera del secondo o terzo sabato di giugno si svolge la giostra della sfida, mentre nel pomeriggio della seconda o terza domenica di settembre si svolge la giostra della rivincita.

La denominazione di Quintana deriva dal nome di una via dell’accampamento romano nella quale aveva luogo l’addestramento dei soldati che, armati di lancia, si lanciavano contro un fantoccio cercando di infilare l’anello sospeso ad una mano dello stesso.

Una delle prime testimonianze documentate dello svolgimento della Quintana nel folignate risale al 1158 quando l’Imperatore Federico I scese a Foligno, da Coccorone, per celebrarvi un congresso straordinario.

Vi fu una giostra vinta dal folignate della Famiglia Elmi contro i cavalieri della scorta imperiale, ed ebbe in dono il permesso di fregiare l’arma della famiglia con tre elmi.

Nel 1613 i Priori cittadini inserirono la Quintana nell’ambito dei festeggiamenti carnevaleschi, modificandone lo svolgimento e lo spirito con i criteri che sussistono quasi del tutto ancora oggi.

Organizzatore di quella prima Giostra fu Emilio de Pasquale insieme a Luca Barnocchi che fu anche il primo Presidente della Giostra e ricoprì questa carica per alcuni anni.

Organizzatore di quella prima giostra fu anche Ettore Thesorieri, il quale redasse lo Stimolo Generoso di Virtute, un documento in cui veniva regolamentata la sfida tra i cavalieri che si fossero iscritti.

Raccolsero la sfida 5 cavalieri, ognuno identificato da un appellativo: il Moro, il Confidente, il Saggio, il Fidele ed infine il Turco; la vittoria arrise al cavalier Fidele.

Corse, Giostre, Baldacchini Trionfali, Infiorate: “pensavo di vedere una festa e ho visto la vita”

Sala Cinesi Grande

«Pensavo di vedere tre santi e ho visto tre ceri. Pensavo di vedere una città e ho visto un popolo. Ma, soprattutto, pensavo di vedere una festa e ho visto la vita» Steve McCurry, uno dei più importanti fotografi contemporanei, racconta così il suo viaggio del 2014 in Umbria, quando visse l’esperienza della Corsa dei […]

Day TWO 27 settembre La cultura UNESCO
MAGGIORI INFORMAZIONI